ARGH!

L’arte della rabbia

Il progetto ARGH! si pone come occasione di tematizzazione del sentimento della rabbia, comune a tutti, ma così difficile da comprendere, educare e canalizzare.
La rabbia è un sentimento che tutti conosciamo e proprio partendo dall’esperienza personale degli studenti proveremo a evidenziare gli aspetti negativi di alcune manifestazioni di questo sentimento, ma anche mettere in luce la positività dell’energia che accompagna questa emozione.
Il percorso vuole proporsi come occasione di conoscenza e approfondimento di questa dicotomia aiutando a conoscere manifestazioni positive di un sentimento sano e necessario,
soprattutto in gioventù.

Per chi?

Scuole dell’infanzia, primarie e secondarie inferiori

Come funziona?

SCUOLA DELL’INFANZIA
2 incontri di 1 ora ciascuno circa + spettacolo teatrale


1° INCONTRO: LA SCOPERTA DELLA RABBIA
Attività laboratoriali in cui sperimentare con i bambini i possibili volti della rabbia, giocando con l’immaginazione e le diverse sensibilità.


2° INCONTRO: DOVE LA METTO ?
La rabbia è un sentimento che tutti provano fin dalla più tenera età. Quando arriva dove la mettiamo? Con un laboratorio creativo ogni bambino costruirà il luogo perfetto per mettere tutta la rabbia quando fa capolino.

SCUOLA PRIMARIA (1ª e 2ª)
3 incontri di 2 ore ciascuno circa + spettacolo teatrale


1° INCONTRO: LA SCOPERTA DELLA RABBIA
Attività laboratoriali in cui sperimentare con i bambini i possibili volti della rabbia, giocando con l’immaginazione e le diverse sensibilità.


2° INCONTRO: DOVE LA METTO ?
La rabbia è un sentimento che tutti provano fin dalla più tenera età. Quando arriva dove la mettiamo? Con un laboratorio creativo ogni bambino costruirà il luogo perfetto per mettere tutta la rabbia quando fa capolino.


3° INCONTRO: L’ANGOLO DELLA PACE
Come gestisco la rabbia all’interno di un gruppo o in una relazione tra pari?
Raccogliamo le idee! Durante questo ultimo incontro ogni gruppo classe creerà il proprio Angolo della Pace: un luogo magico con regole e ambientazioni precise in cui imparare a gestire la rabbia, riconoscendola e rendendola costruttiva.

SCUOLA PRIMARIA (3ª, 4ª e 5ª)
3 incontri di 2 ore ciascuno circa + spettacolo teatrale


1° INCONTRO: COSA MI FA ARRABBIARE ?
La rabbia è un sentimento che accompagna l’uomo in tutte le fasi della vita, soprattutto in quelle più critiche.
Prima di lavorare sulla rabbia altrui, impariamo a riconoscere la nostra. Partendo dal vissuto personale, i bambini saranno chiamati a dare voce alle loro rabbie, dando loro un nome e, perché no, una forma.


2° INCONTRO: LA RABBIA NEL MONDO, STORIE DI CONFLITTI
La rabbia è un sentimento sano e universale ma può anche sfociare in odio,
distruzione, cattiveria ed esclusione.
Attraverso la realizzazione di un Lapbook i bambini proveranno a riflettere su episodi storici in cui la rabbia ha mostrato il suo volto peggiore.


3° INCONTRO: IL BIVIO
La rabbia può essere trasformata in un movimento positivo o diventare sterile e dannosa. In questo terzo incontro i bambini saranno chiamati a scegliere come agire davanti a diverse situazioni e l’attività permetterà loro di riflettere e conoscere le conseguenze delle loro scelte.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO
3 incontri di 1 ora ciascuno + laboratorio


1° INCONTRO: LA RABBIA È GIUSTA
“Facili all’ira sopra la terra siamo noi di stirpe umana.”
(Omero)


La rabbia è un sentimento, un’emozione comune a tutti. Spesso la sua assenza è sintomo di apatia, inettitudine, altre volte la sua presenza sfocia in barbarie e atti di violenza.
Partendo dal vissuto dei ragazzi proveremo a capire che tipo di rabbia conoscono e inizieremo a catalogarla, identificarla e riconoscerla.


2° INCONTRO: CONFLITTI E MANIFESTAZIONI DI RABBIA NEGATIVA

“La violenza genera violenza.”
(Eschilo)


Durante il secondo incontro presenteremo situazioni di rabbia incontrollata, di violenza e conflitti. Mostreremo il lato negativo di una rabbia non controllata, non gestita e inutile.


3° INCONTRO: UNA RABBIA CHE GENERA POSITIVITÀ
“Ci sono molti modi per rendere i giovani silenziosi e invisibili. Molti modi di anestetizzarli
e addormentarli perché non facciano ‘rumore’, perché non si facciano domande
e non si mettano in discussione. Cari giovani, sta a voi la decisione di gridare.”
(Papa Francesco)


La rabbia genera movimento, passione e cambiamento. Se riconosciuta e ben gestita la rabbia dà vita a manifestazioni ed esempi virtuosi e positivi.

Spettacoli e attività

MIOTUONOSTRO: LA PANCHINA PUBBLICA
MioTuoNostro mette in scena un conflitto: due attori, un maschio e una femmina, un bambino e una bambina come tanti, che sperimentano un sentimento nuovo che noi adulti oggi chiameremmo rabbia o frustrazione. I due si contendono una panchina in un parco e si affaccendano a trovare strategie sempre nuove perché la panchina sia di proprietà esclusiva dell’uno e poi dell’altro in un susseguirsi di azioni sceniche in cui è principalmente il corpo a comunicare le proprie intenzioni.
Attraverso reciproci scherzi esilaranti e pochissime parole, i due scoprono che collaborare è meglio che litigare; giocare, cantare e danzare insieme è meglio che mettersi i bastoni fra le ruote e che una semplice panchina può essere un bel luogo d’incontro e lo spazio in cui lo scontro necessario diventa esperienza positiva da vivere insieme.
È uno spettacolo della compagnia teatrale Pandemonium Teatro.

Durata: 50 minuti
Età: dai 2 anni

Quanto costa?

X euro a bambino

Contatti

E-mail: promozione@caritasbergamo.it

Tel. 035/4216498

Il sito utilizza cookie di terze parti per offrirti un servizio in linea con le preferenze da te manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione selezionando un elemento del sito, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta e chiudi