La giustizia dell’incontro

Fondamenti ed itinerari della restorative justice

Colpa e vittimizzazione un profilo transgenerazionale

5-9 luglio 2020

La Summer School, promossa dall’Università degli Studi di Bergamo e dall’Ufficio Giustizia riparativa della Caritas di Bergamo, intende offrire l’occasione di conoscere e discutere i fondamenti filosofici, giuridici e culturali della giustizia riparativa (restorative justice), e le principali metodologie delle pratiche riparative (restorative practice).

Si propone a ricercatori, dottorandi, laureati di laurea triennale, studenti dei corsi di laurea magistrale, operatori dell’area penale e della giustizia minorile, assistenti sociali (è stato richiesto il riconoscimento dei crediti FC.AS) ed educatori di comunità, avvocati (in corso di accreditamento).

Si incontreranno sperimentazioni in atto nel campo della mediazione della costruzione di comunità riparativa, della giustizia di transizione.

La riflessione, la ricerca e la pratica della Giustizia Riparativa si vanno sviluppando anche in Italia con crescente intensità negli ultimi decenni. Attenzioni scientifiche, mobilitazioni ed esperienze dal basso, novità istituzionali, pratiche sociali fanno significativamente riferimento ad una giustizia diversa, caratterizzata da una nuova cultura del rispetto e della responsabilità, della ricostruzione, del senso di comunità e del legame sociale, della riparazione e della riconciliazione.Tanti diversi percorsi, tante fioriture, diverse sperimentazioni e riflessioni attraversano i terreni dell’esecuzione penale, della costruzione del giudizio, della mediazione dei conflitti, tra offensore e vittima, delle pratiche riparative nelle comunità, dei dialoghi negli istituti di pena, e tra carcere e territorio.

La Summer School di Bergamo in questa sua quinta edizione intende dedicare un’attenzione particolare all’ambito della colpa e della vittimizzazione sotto un profilo transgenerazionale e della memoria. Quello che forse manca, oggi come nel passato, anche se per motivi diversi, è la capacità di riflettere pubblicamente sui temi della memoria storica – sia pubblica che individuale – senza per forza assumere come punto di riferimento l’esistenza di “memorie divise” – e quindi inconciliabili e “nemiche” – o la necessità di raggiungere una “memoria condivisa” in cui tutti possano rispecchiarsi.

Affronteremo questo tema con mattinate dedicate ad approfondimenti proposti da relatori e da discussant italiani ed europei nel monastero di S. Agostino, sede dell’Università di Bergamo. I pomeriggi saranno dedicati a laboratori sulle pratiche riparative condotti da esperti presso il Seminario di Bergamo, sede anche della residenzialità.

IL PROGRAMMA DELLA SUMMER SCHOOL 2020 SARÀ PUBBLICATO A BREVE