casafamigliaGDestinatari

Famiglie che, nella Diocesi di Bergamo, sono in difficoltà nel pagare l’affitto della propria casa a causa della perdita del lavoro o della riduzione significativa del reddito (cassa integrazione, mobilità, assenza di regolare contratto, ecc.)

Finalità

Promuovere un segno di prossimità da parte della Chiesa Bergamasca nei confronti di chi vive l’emergenza abitativa con la finalità di evitare che situazioni di fragilità, solo temporanea, possano cadere nella marginalità sociale. Il fondo è destinato a sanare quelle situazioni di morosità incolpevole che potrebbero incrementare il fenomeno degli sfratti in Provincia di Bergamo.

Servizio

Per accedere agli interventi attivati con il “Fondo Famiglia – Casa”, le famiglie sono invitate a contattare i servizi sociali del proprio Comune di residenza. Le assistenti sociali analizzano i casi, verificano la presenza dei requisiti, sentono le parti in questione e compilano una scheda tecnica di ammissione al progetto che inviano all’operatore di riferimento del CPAeC Diocesano. In seguito, una commissione valuta le diverse situazioni definendo i tempi e le diverse trance di erogazione del contributo.

Inizio attività

Ottobre 2014

Gestione servizio

Il progetto in una logica di sussidiarietà attiva e di collaborazione tra pubblico e privato, si realizza attraverso la costituzione di una partnership tra Caritas Diocesana Bergamasca / Associazione Diakonìa Onlus, Ambiti territoriali, Comuni afferenti alla Diocesi di Bergamo e i proprietari delle abitazioni, oltre che attraverso la partecipazione e responsabilizzazione degli inquilini richiedenti.

Organizzazione

Il fondo si avvale della presenza di un operatore della Caritas Diocesana Bergamasca / Associazione Diakonìa Onlus che gestisce le pratiche inviate dai servizi e incontra le famiglie che fanno richiesta. Una commissione valuta le pratiche.

Il Progetto “Fondo Diocesano di solidarietà Famiglia – Casa” è stato pensato e attivato partendo dalla constatazione dell’importanza della collaborazione tra Caritas Diocesana Bergamasca / Associazione Diakonìa Onlus e Enti Pubblici.
Intervenire in un ambito come quello abitativo con svariate criticità non è semplice: il progetto mira ad aiutare alcune famiglie momentaneamente in difficoltà economica, per evitare condizioni di indebitamento non sanabili in seguito.
Il “Fondo Diocesano di solidarietà Famiglia – Casa” tuttavia intercetta non solo gli inquilini in difficoltà ma anche i proprietari di casa che con l’adesione al progetto ricevono un canone sicuro (anche se parzialmente ridotto) ed evitano il ricorso alla sfratto per morosità, pratica costosa e soggetta a continui rinvii e proroghe.
Vi è infine una generale e positiva ricaduta sociale finalizzata a impedire il moltiplicarsi di situazioni di tensione e marginalità e a tutelare la dignità della famiglia, salvaguardata attraverso concreti percorsi di accompagnamento e prossimità.

Il Progetto è strutturato in diverse fasi che comprendono in primo luogo l’attivazione di servizi sociali territoriali per la raccolta e valutazione delle istanze delle famiglie e in seconda battuta la definizione della compartecipazione economica dei diversi soggetti coinvolti. Viene stipulato un “Accordo per la Casa” tra Caritas Diocesana, Comune di residenza, proprietario dell’immobile e inquilino in difficoltà.

In primo luogo i Comuni sono invitati ad aderire all’iniziativa attivano gli uffici dei servizi sociali con funzione di sportelli informativi, raccolta e valutazione delle domande. I Comuni sono poi chiamati ad erogare la propria quota parte di contributo (25% del canone di locazione annuale fino a un massimo di 1.500€ a famiglia).
La Caritas Diocesana Bergamasca / Associazione Diakonìa Onlus eroga il contributo (fino al 50% del canone di locazione annuale per un massimo di 3.000€) e attiva i CPAeC locali e le altre organizzazioni parrocchiali con funzione di sportello informativo. Anche ai proprietari degli immobili è chiesto un contributo: la riduzione del costo dell’affitto fino ad un massimo del 15%, per la durata dell’accordo e la disponibilità a sospendere l’eventuale procedimento di sfratto.
Infine gli inquilini partecipano, sulla base della propria condizione economica, patrimoniale e lavorativa, con un minimo del 10% del costo dell’affitto, facendosi carico delle spese condominiali e delle utenze in modo autonomo.
Il contributo è attribuito alle famiglie segnalate dai servizi sociali dei Comuni partecipanti a seguito di attenta valutazione da parte di una commissione appositamente costituita e composta da membri rappresentativi dei partner istituzionali (Comune e Caritas) del progetto. L’entità del contributo è stabilita dalla commissione sulla base della condizione economica, patrimoniale e lavorativa dei richiedenti.
La non osservanza dell’accordo da parte dei partner, comporta la sospensione automatica del contributo da parte della Caritas Diocesana.
Il fondo è erogato per 12 mesi complessivi, con copertura di massimo sei mesi di pagamenti arretrati. Eventuali morosità superiori ai sei mesi sono oggetto di un accordo di rientro tra inquilino e locatore.

Documenti